martedì 1 maggio 2012

La storia del mughetto e del primo maggio...


Il primo maggio del 1561, Carlo IX introdusse la tradizione
d'offrire un rametto di mughetto come amuleto di porta fortuna.
All' inzio del ventesimo secolo, in Francia e in particolare,
nell'Ile de France, era consueto andare nei boschi
per prendere un mughetto
che poteva essere venduto nelle strade senza dover pagare tasse.
Era un costume pagano di celebrare l'arrivo della primavera
ed era consueto offrire tre rami di mughetto agli amati e
a dei colleghi di lavoro (donne, ecc.)
come un segno d' amicizia.
La tradizione del Primo di Maggio è datata a molti anni fà.
Nei tempi antichi, questa era la data in cui i navigatori
uscivano in mare.
Per i Celtici, era l'inizio della prima meta' dell' anno Celtico.
Nel Medio Evo, era il mese dei fidanzamenti.
Dal 1889, e' conosciuto come il Giorno del Lavoro.
Il costume d' indossare un mughetto e' una moda
che risale all' inizio de ventesimo secolo.
Dal periodo del Rinascimento, il mughetto era
un amuleto portafortuna associato
con la celebrazione del Primo Maggio.
Ma, fu soltanto all' inzio del ventesimo secolo
che la sua vocazione, come il fiore del Giorno di Maggio,
fu confermato come il risultato di due eventi.
Il primo maggio del 1895,
al cantante Mayol fu presentato un mughetto
dalla sua amica Jenny Cook,
e quella sera lo indosso' sull'occhiello
al posto della tradizionale camelia.
Nel 1900, il primo maggio, il capo delle sartine offri'
ai suoi clienti e lavoratori dei mughetti.
Il mughetto simbolizza il ritorno della felicità.
E' un messaggio d'amore perché fiorisce all'inizio della primavera
e l'atto di cercarlo nelle foreste ombreggiate è un'opportunità
per le prime passeggiate dell'anno nelle foreste.
Ha un profumo delizioso ed è così bello che alcuni che fanno profumi,
lo usano nelle loro preparazioni.
In Francia, il Mughetto, è considerato il simbolo della primavera
e in tal senso il 1° maggio è il giorno dedicato a questo fiore:
per le vie di Parigi venditrici ambulanti vendono piantine
o deliziosi mazzolini di mughetti da portare all’occhiello
della giacca o da appuntare su un abito.

(dal web)

Buon mese di maggio a tutti




10 commenti:

  1. ...che bello, non lo sapevo, carinissimo!! un sorriso, a presto...

    RispondiElimina
  2. buon primo maggio lella per un futuro migliore..

    RispondiElimina
  3. Grazie cara x tutte le tue info, tra l'altro il profumo di mughetto e' uno dei miei preferiti!!!

    RispondiElimina
  4. Profumo delizioso e intenso, delicato fiore, oltre che essere di buon auspicio...
    un abbraccio nell'aria festosa della primavera, buona vita!
    ciao LELLA, GRAZIE!

    RispondiElimina
  5. I mughetti sono una delizia...da vedere e sentire il loro profumo..
    mi piace molto!
    Non conoscevo questa storia del mughetto, mi fa piacere averla letta.
    ciaoo Lella :-)

    RispondiElimina
  6. ciao, io non sapevo di qst bella usanza e l ho scoperta in qst gg grazie ad Ande su alter ego e qui da te oggi, grazie!!! un caro saluto

    RispondiElimina
  7. Anch'io non conoscevo questa storia. Che bello, un fiore profumato e semplice che simboleggia il giorno del lavoro. E' di buon auspicio, auguriamoci che il sospirato lavoro torni a dare dignità all'uomo.
    Grazie per l'omaggio floreale da me, sei molto cara.
    un bacio
    annamaria

    RispondiElimina
  8. È interessante questa vicenda del Mughetto che posti. Non la conoscevo, ed è sempre bello poter approfondire la storia che ci precede. Essa sta alle basi del nostro presente e condiziona il nostro futuro.
    Un sorriso per un sereno inizio di maggio.
    ^___^

    RispondiElimina
  9. simpatica storia...certo che le storie più belle si trovano al Nord del Mondo.....belle leggende poi rivisitate ....Ciao lè.... felice mattino pieno di gioia....:)))

    RispondiElimina
  10. sei dolcissima, grazie per il regalino. Ti abbraccio forte forte!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...