martedì 28 maggio 2013

un luogo dentro di te...

 
 
Devi trovare un luogo dentro di te, intorno a te.
Un luogo che ti corrisponda.
Che ti somigli, almeno in parte.
 
(Margaret Mazzantini, "Mare al mattino")
 
 
 

sabato 18 maggio 2013

scusa...


- Prendi un piatto e tiralo a terra
- Fatto
- Si è rotto?
- Sì
- Adesso chiedigli scusa
...
- Scusa
- E' tornato come prima?
- No
- Adesso capisci?

(dal web)


Image and video hosting by TinyPic 
 
 

giovedì 16 maggio 2013

se sul treno...


"Se sul treno ti siedi al contrario
con la testa girata di là
vedi meno la vita che viene
vedi meglio la vita che va."

(Vivian Lamarque)


 
 
 
Vista su fb e subito l'ho sentita un po' mia.
Viaggio in treno per tornare a casa a Roma,
quando posso allontanarmi un po'...
prenoto sempre il posto ed inevitabilmente il mio posto
è all'indietro! ma non mi dispiace e quando ho letto
la frase ho realizzato quello che vedo dal finestrino.
Amo il tempo che trascorro viaggiando, è un tempo tutto mio,
ho sempre un libro con me, la musica...
e poi rimango ad osservare il mondo
che scorre veloce fuori dal finestrino
e penso, a quello che ho e a quello che ho lasciato,
alle scelte che mi hanno portata su quel treno,
e scopro sempre di più che lella ha voglia di vivere,
di essere, di esistere...
Guardare al contrario, se ci penso dà quasi la possibilità
di poter tenere ancora con noi quel tempo,
quei momenti, quei luoghi che sono stati nostri...
anche solo per un poco...in fondo che fretta c'è
a voler andare a quello che sarà, comunque ci arriveremo...
è il viaggio...
e quando ci saremo sarà il tempo giusto per guardarlo e per viverlo.
Un ricordo bellissimo...in uno dei viaggi
il paesaggio si imbiancava piano piano,
la neve silenziosa copriva tutto e attutiva i rumori del mondo,
sembrava un mondo irreale, magico...
Ho scoperto che non ho voglia di prendere treni troppo veloci,
provato un viaggio sul nuovo treno Italo e sulla Freccia...bellissimo,
ma rubano il mio tempo! e io ne voglio un po' tutto per me...
non ho fretta di arrivare, amo il viaggio...
anche il viaggio è vita, belle le stazioni, le fermate...
ora hanno cambiato percorso al treno che prendo solitamente
per far posto sulla linea all'alta velocità,
e il treno costeggia il lago Trasimeno, incantevole,
scorci di paesaggi bellissimi che infondono pace e serenità
e mi lasciano tempo per sognare un po'...
 
 
Image and video hosting by TinyPic
 

 

martedì 14 maggio 2013

il peso della valigia...






Hai fatto tutta quella strada per arrivare fin qui
e ti è toccato partire bambina
con una piccola valigia di cartone
che hai cominciato a riempire

due foglie di quella radura che non c'era già più
rossetti finti ed un astuccio di gemme
e la valigia ha cominciato a pesare
dovevi ancora partire

e gli occhi han preso il colore del cielo
a furia di guardarlo
e con quegli occhi ciò che vedevi
nessuno può saperlo

e sole pioggia neve tempesta
sulla valigia e nella tua testa
e gambe per andare
e bocca per baciare

sabato 11 maggio 2013

dimmi...


 
“Dimmi, qualche volta non ti vola via il cuore?”
 
(Baudelaire)
 
 
 
 
 
 
 

domenica 5 maggio 2013

provate ad immaginare...


"Provate a immaginare di cancellare un giorno particolare della vostra vita,
e pensate a come sarebbe stato differente il suo corso.
Voi che leggete, fermatevi a pensare per un attimo alla lunga catena di ferro o di oro,
di spine o di fiori, che non vi avrebbe mai avvinto,
se non si fosse formato il primo anello in un giorno memorabile."

(Charles Dickens)



 
 
 

giovedì 2 maggio 2013

il contrario di uno


"Due non è il doppio ma il contrario di uno, della sua solitudine.
Due è alleanza, filo doppio che non è spezzato."
 
"Ma tu non vuoi essere per una volta il prossimo di qualcuno?".
 
"Quelli che hanno qualcuno da un'altra parte hanno inventato i ponti."
 
"A lasciare la tavola dove si è cresciuti
per tutti i centimetri e i pasti comandati,
uno si procura un vuoto allo stomaco,
un angolo acuto che non può essere raggiunto."
 
(Il contrario di uno - Erri de Luca)
 
 
Sono le frasi che mi sono rimaste dentro, quelle che hanno provocato emozione,
una lettura non semplice, racconti non legati tra loro, ma ognuno rivela
l'immagine di una solitudine che per un attimo trova condivisione...
ma credo che in fondo rimaniamo sempre e solo "uno"...
Ogni frase è una scoperta...un sentire all'improvviso...
sentire solitudini che ci accompagnano,
domandarsi se possiamo almeno per una volta donarci,
scoprire il bisogno dell'uomo di unire il cuore ad altri cuori,
affrontare senza veli quella solitudine che viene dalle scelte,
quella solitudine che scava, provoca vuoti, che nulla può riempire...
 

Image and video hosting by TinyPic 
 
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...